Virtual Reality

La digitalizzazione sta influenzando profondamente la vita ed il lavoro di architetti e studi di progettazione. Coerentemente con la sua missione di offrire ai professionisti del settore servizi innovativi, .bagoitalia sta muovendo i primi passi nella sperimentazione dei sistemi virtual reality.

Questa recente innovazione tecnologica promette di rivoluzionare per sempre il lavoro di architetti e designer, consentendo tanto all’architetto che al cliente finale non più solo di immaginare l’opera in costruzione, ma di ‘viverla’ in prima persona. La realtà virtuale permette infatti di progettare edifici ed interni sfruttando una percezione spaziale che i render e i disegni tecnici in 2D non possono garantire, oltre che di sperimentare e revisionare i progetti immergendosi personalmente nel progetto interagendo con gli spazi. Grazie a softwares di grafica foto-realistica, non solo si trasforma il lavoro di architetti e designer, ma si rivoluziona il modo in cui il progetto viene presentato ai clienti, ovvero in tempo reale, snellendo tempi e costi di progettazione. Basato sulla sperimentazione creativa delle potenzialità di tecnologie innovative all’avanguardia, il servizio Virtual Reality .bagoitalia si costruisce in collaborazione con preparati professionisti del settore.

“L’enorme vantaggio della realtà virtuale è che attraverso l’immersione sensoriale si percepiscono proporzioni e dimensioni in maniera realistica, ottenendo ciò che è impossibile fare attraverso un disegno 2D, che comporta sempre distorsioni prospettiche.

Nel giro di cinque anni la realtà virtuale rivoluzionerà il lavoro dell’architetto, che potrà esplorare nuove frontiere. Probabilmente negli studi ci sarà una stanza dedicata alla realtà virtuale, per indossare un casco e muoversi nei progetti degli edifici, e magari utilizzare nuovi strumenti interattivi, come i ‘guanti ndr’ per manipolare gli oggetti immateriali: è persino difficile immaginare cosa accadrà quando la prospettiva sarà ribaltata e l’architetto potrà disegnare un edificio mentre si trova immerso al suo interno.”

Jon Brouchoud, architetto e fondatore dello studio Arch Virtual, USA, specializzato nell’uso di virtual reality